FACEBOOK TWITTER
07/02/2020

Biologico: giusto prezzo, tracciabilità e blockchain, le chiavi della competitività

«Produrre rispettando le regole ha un costo che deve essere riconosciuto». Se n’è parlato in occasione di Marca e Sana Up alla Fiera di Bologna.

«Del giusto prezzo dei prodotti biologici ne abbiamo parlato anche troppo, adesso è giunto il momento di passare dalle parole ai fatti» ha detto Maria Grazia Mammuccini, presidente di Federbio, in occasione del Sana Up, salone satellite di Marca by BolognaFiere.

Ma quando il prezzo è giusto? E' giusto il prezzo - secondo la definizione di Federbio - che spetta all'agricoltore/allevatore per un prodotto biologico coltivato/allevato in Italia nel pieno rispetto dei principi e delle norme di agricoltura/allevamento biologico stabilite dall'Ue affinché questo possa remunerare legalmente e correttamente tutti i fattori della produzione.

Una Cun per il bio

La soluzione a questo problema, ormai inderogabile, rappresenta uno dei punti centrali del programma triennale di FederBio. «Produrre rispettando i valori del territorio e del prodotto - ha ricordato la Mammuccini - costa di più e questa spesa deve essere giustamente remunerata. Solo una filiera trasparente, correttamente tracciata, può evidenziare questi costi che dovrebbero essere evidenziati attraverso una Cun (Commissione unica nazionale) appositamente realizzata».

«Per la realizzazione di questa Cun - sostiene Roberto Zanoni, presidente di Assobio - si dovrebbe lavorare con le organizzazioni professionali e assieme, e non contro, al mondo dell’agricoltura convenzionale, che soffre dello stesso problema».

Le linee tecniche di Federbio

Paolo Carnemolla, presidente di FederBio Servizi, braccio operativo di FederBio, ha precisato che il prodotto biologico non si caratterizza per l’assenza di residui (che comunque normalmente non sono presenti) ma per la garanzia di un processo di lavoro che comparta regole precise, ovviamente molto più stringenti di quelle dell’agricoltura convenzionale. Ecco che FederBio Servizi ha individuato le linee tecniche e i costi di produzione per pomodoro e frumento relativamente al Nord Italia (riportate nelle due diapositive che seguono).

Per il settore zootecnico vale il solito discorso. «Non si può produrre tutto e ovunque - afferma il professor Gabriele Canali della Cattolica di Piacenza. I costi nel biologico sono diversi (più alti) e comprendono la formazione professionale, l’adeguamento organizzativo, i costi strutturali e quelli logistici. Per fortuna la maggiore longevità delle bovine ci permette un parziale recupero delle spese».

Blockchain e trasparenza

La blockchain rappresenta lo strumento più moderno ed efficace per evidenziare in maniera trasparente i processi produttivi come ha spiegato Michela Zema del Csqa (società di certificazione).

«Anche il bio - ha detto Zema - in qualità di produzione regolamentata, può avere la sua blockchain a garanzia della sua immagina di qualità. Dopo aver lavorato nell’agricoltura convenzionale stiamo portando avanti un progetto pilota per il pilota per il biologico che andremo a presentare alla prossima edizione del Sana».

La nuova tecnologia, come ha spiegato Giampaolo Sara di Euranet, anche se non annullerà del tutto le verifiche fatte dall’uomo, permetterà di effettuare anche “virtual audit” direttamente in campo, per un controllo della qualità costante e continuo.

Lavoro agricolo di qualità

E che la qualità e lo sviluppo sostenibile sia un aspetto considerato strategico anche dalla grande distribuzione lo dimostra il fatto che a partire dal 1° gennaio 2021 a tutti i fornitori agricoli diretti della distribuzione sarà richiesta l’iscrizione alla “Rete del lavoro agricolo di qualità”.

Gli stessi partner della Marca del distributore (prodotti commercializzati all'interno dei punti vendita della Grande Distribuzione Organizzata) lungo la loro filiera di approvvigionamento, saranno chiamati a far sì che i propri fornitori siamo iscritti alla “Rete”

La notizia è stata data nel corso del convegno inaugurale di Marca centrato sul contributo della Marca del Distributore alla sfida dello sviluppo sostenibile del Paese.

La "Rete del lavoro agricolo di qualità" è un organismo, promosso dal Mipaaf e istituito all'Inps, che si concretizza in un elenco "certificato" di imprese agricole, in regola con le disposizioni in materia di lavoro (evitando in assoluto il caporalato), legislazione sociale, imposte sui redditi e valore aggiunto.

Fonte: https://terraevita.edagricole.it/biologico/biologico-giusto-prezzo-tracciabilita-e-blockchain-le-chiavi-della-competitivita/
Autore: Alessandro Maresca

Condividi su:
Eventi e fiere
23/11/2020

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

21/10/2013

Sostenibili si diventa: Camera Nazionale della Moda ospite al convegno del 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze

Sostenibili si diventa, obiettivi, processi, persone, prodotti, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana.

23/11/2020

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

21/10/2013

Sostenibili si diventa: Camera Nazionale della Moda ospite al convegno del 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze

Sostenibili si diventa, obiettivi, processi, persone, prodotti, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana.

Stampa
13/01/2021

Ogm: il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

Nonostante la Corte di giustizia europea abbia ritenuto che le Nbt (new breeding techniques) siano tecniche di modificazione genetica, queste vengono presentate come la frontiera più avanzata dell’agribusiness...

21/12/2020

L’Europa chiede all’Italia un futuro più verde per la nostra agricoltura

CambiamoAgricoltura: Il Piano Strategico Nazionale deve riportare la PAC verso la via della transizione agroecologica

15/12/2020

Per un terzo consumatori Usa Bio Italiano al top, il vino fra i prodotti di punta

Ma il 43% rischia di aquistare prodotti che richiamano erroneamente al Made in Italy

09/12/2020

FederBio: per l’Italia target del 30% di campi biologici

Avere il 25% di superfici coltivate a biologico entro il 2030, così come previsto dalla strategia From Fark to Fork, è troppo poco ambizioso...

13/11/2020

Il biologico cambia canale: il supermercato (47%) batte i negozi specializzati (21%) 11 NOVEMBRE 2020|IN RASSEGNA STAMPA

Il carrello con i prodotti biologici comprati nella grande distribuzione supera, nelle preferenze dei consumatori, quello dei negozi specializzati

21/10/2020

AIAB: Insieme ai consumi deve crescere la produzione e non solo in quantità

Il bio non è solo assenza di pesticidi ma una visione che include il sistema agro-alimentare con tutti i suoi componenti ecologici, sociali ed economici.

30/09/2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.M. fosfiti in agricoltura biologica

Dopo lungo confronto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale “il D.M. fosfiti in agricoltura biologica”

13/01/2021

Ogm: il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

Nonostante la Corte di giustizia europea abbia ritenuto che le Nbt (new breeding techniques) siano tecniche di modificazione genetica, queste vengono presentate come la frontiera più avanzata dell’agribusiness...

21/12/2020

L’Europa chiede all’Italia un futuro più verde per la nostra agricoltura

CambiamoAgricoltura: Il Piano Strategico Nazionale deve riportare la PAC verso la via della transizione agroecologica

15/12/2020

Per un terzo consumatori Usa Bio Italiano al top, il vino fra i prodotti di punta

Ma il 43% rischia di aquistare prodotti che richiamano erroneamente al Made in Italy

09/12/2020

FederBio: per l’Italia target del 30% di campi biologici

Avere il 25% di superfici coltivate a biologico entro il 2030, così come previsto dalla strategia From Fark to Fork, è troppo poco ambizioso...

13/11/2020

Il biologico cambia canale: il supermercato (47%) batte i negozi specializzati (21%) 11 NOVEMBRE 2020|IN RASSEGNA STAMPA

Il carrello con i prodotti biologici comprati nella grande distribuzione supera, nelle preferenze dei consumatori, quello dei negozi specializzati

21/10/2020

AIAB: Insieme ai consumi deve crescere la produzione e non solo in quantità

Il bio non è solo assenza di pesticidi ma una visione che include il sistema agro-alimentare con tutti i suoi componenti ecologici, sociali ed economici.

30/09/2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.M. fosfiti in agricoltura biologica

Dopo lungo confronto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale “il D.M. fosfiti in agricoltura biologica”