FACEBOOK TWITTER
30/05/2019

Nuova partnership con Ekowarehouse; 125$ di sconto per registrarsi su Ekowarehouse per tutte le aziende registrate su connature

Connature è felice di presentare il nuovo partner www.ekowarehouse.com, piattaforma internazionale che accellera le vendite di prodotti e materie prime certificate. Entrambe le piattaforme accolgono solamente prodotti certificati ecosostenibili e sono entrambe impegnate nel sostenere le aziende che sono impegnate in comportamenti che sostengono la sostenibilità e il rispetto per l'ambiente.

Le due piattaforme hanno unito le forze proprio per offrire servizi integrati e complementari; mentre connature connette gli operatori attraverso i loro profili accellerando i primi contatti e la scoperta di nuovi brand ecosostenibili, ekowarehouse è più vicino al processo di vendita in quanto i produttori postano i loro prodotti su pagine dedicate e ricevono le richieste dei buyer interessati. La vendita vera e propria viene svolta poi fra le parti al di fuori del portale.

Ekowarehouse è visitato da circa 9000 operatori di settore al mese e accoglie buyer di varie tipologie interessati a prodotti e materie prime certifcate che al di fuori della piattaforma faticano a trovare.

Per le aziende registrate su connature che vogliono registrarsi su ekowarehouse c'è un benefit, uno sconto di $ 125,00 sulla registrazione. Per usufruire dello sconto scrivere una mail a info@connature.com che fornirà il codice.

Siamo quindi molto lieti di saperne di più intervistando la Ceo di Ekowarehouse, Sonalie Figueiras fondatrice di questa piattaforma nata nel 2008 e direttrice anche della rivista Green Queen di Hong Kong, portavoce del vivere sano e sostenibile.

- Ciao Sonalie piacere di averti con noi, ci racconti come funziona Ekowarehouse?

Grazie è un piacere anche per me essere qui con voi. E' molto semplice. I produttori di materie prime e/o prodotti certificati si registrano pubblicando le pagine relative ai loro prodotti. I buyer si registrano e quelli interessati li contattano direttamente.

Ekowarehouse ha già connesso migliaia di operatori accellerando la compravendita di prodotti. Le visite mensili sono circa 9000 e questo ci permette di garantire un'ottimo traffico e visibilità.

Il target di Ekowarehouse è quello di Connature, si tratta di operatori del settore sostenibile certificato, per cui aziende produttrici e buyer.

Ci sono aziende varie che postano prodotti o materie prime come caffè, tea, cereali, estratti d'erbe, latte di cocco, proteine dei piselli, private label ma anche molti produttori di prodotti per l'infanzia o per la bellezza e cura della persona.

- Qual'è il buyer tipo che frequenta Ekowarehouse?

I buyer che visitano e comprano attraverso ekowarehouse sono interesati ad acquistare prodotti o materie prime certificate, che non trovano facilmente al di fuori della piattaforma. Cercano convenienza ma qualità.

- Considerando che Ekowarehouse ha sede ad Hong Kong, ci puoi dire com'è il mercato dei prodotti ecosostenibili in Asia?

In Asia sempre più il consumatore cerca il prodotto sano e di qualità, preferibilmente biologico per cui sono disposti ad investire di più nella spesa per se stessi e per le loro famiglie. Sicuramente sono molto attenti alle certificazioni che forniscono loro maggiore sicurezza.

- Come i consumatori asiatici considerano i prodotti biologici europei?

I prodotti europei hanno una forte reputazione in Asia e sono considerati premium, di alta qualità.

- Cosa dovrebbe fare un'azienda estera che vuole vendere in Asia?

La cosa più importante da sapere è che l'Asia è un paese disomogeneo, con diverse culture e lingue, per cui si tratta di un mercato variegato con regolamentazioni diverse. Se si vuole entrare nel mercato asiatico,e sicuramente ne vale la pena, conviene assolutamente prendere parte alle numerose Fiere Asiatiche di settore.

- Secondo la tua esperienza, i produttori che si registrano su Ekowarehouse sono soddisfatti?

I nostri produttori sono molto soddisfatti. Ottengono un'alta visibilità per i loro prodotti, molte impression e soprattutto contatti di qualità di buyer seriamente interessati a comprare. I buyer si devono registrare per poter contattare i produttori. Le registrazioni per far parte di Ekowarehouse sono molto ragionevoli, considerando che è come essere presenti in fiera 24 ore su 24 per 365 giorni l'anno.

- Quali sono i paesi dai quali provengono gli operatori presenti su ekwoarehouse?

I nostri operatori provengono da più di 100 paesi, trattandosi di una piattaforma internazionale. Diciamo che la maggiore percentuale proviene dall'Asia, dall'America del Sud, Usa e Uk.

- Quali consigli daresti ai produttori che vogliono registrarsi per ottenere successo su ekowarehouse?

Il consiglio che mi sento di dare, vista l'esperienza di molte aziende  che si sono registrate con successo è di completare il più possibile il proprio profilo e postare più prodotti possibili, descrivendo in maniera chiara sia il titolo del prodotto che la sua descrizione. Questo semplifica la ricerca dei buyer. Mettiamo a disposizione anche il servizio Top Spot che permette di comparire nelle prime posizioni. 

Un servizio che funziona benissimo è la campagna pubblicitaria via mail. Per chi non si vuole registrare ma vuole promuovere il proprio prodotto, creiamo una campagna online che inoltriamo a tutti i nostri membri. Queste mailing promozionali riportano risultati molto alti in termini di nuovi contatti.

- Ultima domanda ma non meno importante, quali sono le materie prime o i prodotti che sono maggiormente ricercati?

Farina di cocco, proteine in polvere vegetali, prodotti alimentari per bambini, creme bio e prodotti di bellezza e ovviamente sempre molte commodities come il te, il caffè e il cacao, ovviamente certificati.

- Grazie Sonalie, è stato veramente un piacere!

Grazie a tutti voi!


 

Materiale fornito da Ekowarehouse
Intervista di Connature

Per informazioni:

www.ekowarehouse.com
Hello@ekowarehouse.com
info@connature.com

Condividi su:
Eventi e fiere
23/11/2020

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

21/10/2013

Sostenibili si diventa: Camera Nazionale della Moda ospite al convegno del 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze

Sostenibili si diventa, obiettivi, processi, persone, prodotti, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana.

23/11/2020

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

21/10/2013

Sostenibili si diventa: Camera Nazionale della Moda ospite al convegno del 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze

Sostenibili si diventa, obiettivi, processi, persone, prodotti, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana.

Stampa
13/02/2021

Brexit: le indicazioni per le importazioni di prodotti biologici

Con la Nota n. 31921 del 22 gennaio 2021 il Mipaaf rende note alcune indicazioni utili per gli operatori ...

02/02/2021

Certificazione di gruppo: il futuro dei bio-distretti

 Interessante studio sulla certificazione di gruppo nell’ambito di tre bio-distrettidella Regione Veneto

27/01/2021

Il captano non è la soluzione alla maculatura bruna

“Captano” e “Dithianon” sono molecole chimiche che, prima o poi, verranno bandite o limitate dall’Unione europea

13/01/2021

Ogm: il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

Nonostante la Corte di giustizia europea abbia ritenuto che le Nbt (new breeding techniques) siano tecniche di modificazione genetica, queste vengono presentate come la frontiera più avanzata dell’agribusiness...

21/12/2020

L’Europa chiede all’Italia un futuro più verde per la nostra agricoltura

CambiamoAgricoltura: Il Piano Strategico Nazionale deve riportare la PAC verso la via della transizione agroecologica

15/12/2020

Per un terzo consumatori Usa Bio Italiano al top, il vino fra i prodotti di punta

Ma il 43% rischia di aquistare prodotti che richiamano erroneamente al Made in Italy

09/12/2020

FederBio: per l’Italia target del 30% di campi biologici

Avere il 25% di superfici coltivate a biologico entro il 2030, così come previsto dalla strategia From Fark to Fork, è troppo poco ambizioso...

13/11/2020

Il biologico cambia canale: il supermercato (47%) batte i negozi specializzati (21%) 11 NOVEMBRE 2020|IN RASSEGNA STAMPA

Il carrello con i prodotti biologici comprati nella grande distribuzione supera, nelle preferenze dei consumatori, quello dei negozi specializzati

21/10/2020

AIAB: Insieme ai consumi deve crescere la produzione e non solo in quantità

Il bio non è solo assenza di pesticidi ma una visione che include il sistema agro-alimentare con tutti i suoi componenti ecologici, sociali ed economici.

30/09/2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.M. fosfiti in agricoltura biologica

Dopo lungo confronto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale “il D.M. fosfiti in agricoltura biologica”

13/02/2021

Brexit: le indicazioni per le importazioni di prodotti biologici

Con la Nota n. 31921 del 22 gennaio 2021 il Mipaaf rende note alcune indicazioni utili per gli operatori ...

02/02/2021

Certificazione di gruppo: il futuro dei bio-distretti

 Interessante studio sulla certificazione di gruppo nell’ambito di tre bio-distrettidella Regione Veneto

27/01/2021

Il captano non è la soluzione alla maculatura bruna

“Captano” e “Dithianon” sono molecole chimiche che, prima o poi, verranno bandite o limitate dall’Unione europea

13/01/2021

Ogm: il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

Nonostante la Corte di giustizia europea abbia ritenuto che le Nbt (new breeding techniques) siano tecniche di modificazione genetica, queste vengono presentate come la frontiera più avanzata dell’agribusiness...

21/12/2020

L’Europa chiede all’Italia un futuro più verde per la nostra agricoltura

CambiamoAgricoltura: Il Piano Strategico Nazionale deve riportare la PAC verso la via della transizione agroecologica

15/12/2020

Per un terzo consumatori Usa Bio Italiano al top, il vino fra i prodotti di punta

Ma il 43% rischia di aquistare prodotti che richiamano erroneamente al Made in Italy

09/12/2020

FederBio: per l’Italia target del 30% di campi biologici

Avere il 25% di superfici coltivate a biologico entro il 2030, così come previsto dalla strategia From Fark to Fork, è troppo poco ambizioso...

13/11/2020

Il biologico cambia canale: il supermercato (47%) batte i negozi specializzati (21%) 11 NOVEMBRE 2020|IN RASSEGNA STAMPA

Il carrello con i prodotti biologici comprati nella grande distribuzione supera, nelle preferenze dei consumatori, quello dei negozi specializzati

21/10/2020

AIAB: Insieme ai consumi deve crescere la produzione e non solo in quantità

Il bio non è solo assenza di pesticidi ma una visione che include il sistema agro-alimentare con tutti i suoi componenti ecologici, sociali ed economici.

30/09/2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.M. fosfiti in agricoltura biologica

Dopo lungo confronto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale “il D.M. fosfiti in agricoltura biologica”