FACEBOOK TWITTER
03/03/2015

Intervista a Roberta Gentile, Ceo del Marchio d'abbigliamento TU&TU

Roberta, perchè avete fondato Tu&Tu?
TU&TU è nato nel 2011 dal mio desiderio di creare una linea di abbigliamento rispettosa dell'ambiente, degli uomini e degli animali, che sapesse allo stesso tempo essere femminile, contemporanea, glamour ed ironica. Vegetariana da anni e alla ricerca di abiti ecologici e accessori non in pelle, trovavo un panorama restrittivo, limitato ad uno stile troppo casual per una donna che ama passare dalle sneakers ai tacchi!

Qual'è la nicchia di mercato che volete andare a soddisfare e perchè?

Ci rivolgiamo ad una donna contemporanea, curiosa, attenta allo stile e amante del bello, consapevole delle sue scelte e responsabile nei suoi acquisti, una donna che sceglie un abito TU&TU per l'estetica, la qualità e per i suoi valori intrinseci e quindi consideri importante e determinante il fatto che il tessuto sia ecologico (non nocivo per l'ambiente e la sua pelle), che non vi sia a monte alcun sfruttamento di lavoratori e che nessun animale sia stato sacrificato per confezionarlo. Trovo che in ogni boutique e negozio di fascia medio-alta ci debba essere una valida alternativa per un tipo di clientela che sta crescendo in termini di numero e consapevolezza.

Qual'è il complimento più usuale che vi fanno per i vostri prodotti?
Il complimento più frequente, il semplice e spontaneo “che bei vestiti” è anche quello più gratificante!

In quale modo i vostri prodotti esprimono qualità e sostenibilità?
Siamo estremamente rigorosi nella selezione dei tessuti: solo cotoni biologici certificati, di altissima qualità, se possibile inseriti in progetti che sostengono comunità disagiate. Qualunque materiale impiegato deve avere una forte motivazione ecologica: ad esempio il riciclo di materiali plastici, o la scelta di bamboo e canapa per la loro sostenibilità. E nulla di derivazione animale: pelliccia, pelle, seta, lana sono escluse dalle nostre collezioni, come certifica il rating massimo che abbiamo ricevuto da LAV (VVV+) nel progetto Animal-free fashion, che ci permette di utilizzare il logo Animal Free in tutti i capi TU&TU. La qualità di confezione è massima, perché ci avvaliamo della tradizione manufatturiera dei migliori laboratori italiani.

Siete interessati ad espandere TU&TU solamente in Italia o anche all'Estero?
Siamo principalmente presenti all'estero, ove sono molto diffuse le eco-boutique: in Germania, poi da Sidney a Dubai a New York. In Italia, oltre al nostro e-commerce, saremo presto presenti in eco-corner in negozi di fascia medio-alta desiderosi di offrire alle clienti un prodotto eco ed etico di alto livello.

Quali sono i canali commerciali vi interessano di più?
I nostri canali commerciali privilegiati comprendono sia i contatti diretti con negozi “brick and mortar” e online, che rapporti con agenti e show-room: a tale proposito stiamo ora organizzando una rete di rappresentanza per l'Italia. All'estero è per TU&TU un ottimo punto di riferimento la fiera di Berlino (l'”Ethical” e “Green Fashion Show”), un vero e proprio punto d'incontro all'avanguardia per quanto riguarda il mondo dell'abbigliamento eco, etico e animal-free.

 

 

 

Condividi su:
Eventi e fiere
23/11/2020

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

21/10/2013

Sostenibili si diventa: Camera Nazionale della Moda ospite al convegno del 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze

Sostenibili si diventa, obiettivi, processi, persone, prodotti, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana.

23/11/2020

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

21/10/2013

Sostenibili si diventa: Camera Nazionale della Moda ospite al convegno del 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze

Sostenibili si diventa, obiettivi, processi, persone, prodotti, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana.

Stampa
13/02/2021

Brexit: le indicazioni per le importazioni di prodotti biologici

Con la Nota n. 31921 del 22 gennaio 2021 il Mipaaf rende note alcune indicazioni utili per gli operatori ...

02/02/2021

Certificazione di gruppo: il futuro dei bio-distretti

 Interessante studio sulla certificazione di gruppo nell’ambito di tre bio-distrettidella Regione Veneto

27/01/2021

Il captano non è la soluzione alla maculatura bruna

“Captano” e “Dithianon” sono molecole chimiche che, prima o poi, verranno bandite o limitate dall’Unione europea

13/01/2021

Ogm: il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

Nonostante la Corte di giustizia europea abbia ritenuto che le Nbt (new breeding techniques) siano tecniche di modificazione genetica, queste vengono presentate come la frontiera più avanzata dell’agribusiness...

21/12/2020

L’Europa chiede all’Italia un futuro più verde per la nostra agricoltura

CambiamoAgricoltura: Il Piano Strategico Nazionale deve riportare la PAC verso la via della transizione agroecologica

15/12/2020

Per un terzo consumatori Usa Bio Italiano al top, il vino fra i prodotti di punta

Ma il 43% rischia di aquistare prodotti che richiamano erroneamente al Made in Italy

09/12/2020

FederBio: per l’Italia target del 30% di campi biologici

Avere il 25% di superfici coltivate a biologico entro il 2030, così come previsto dalla strategia From Fark to Fork, è troppo poco ambizioso...

13/11/2020

Il biologico cambia canale: il supermercato (47%) batte i negozi specializzati (21%) 11 NOVEMBRE 2020|IN RASSEGNA STAMPA

Il carrello con i prodotti biologici comprati nella grande distribuzione supera, nelle preferenze dei consumatori, quello dei negozi specializzati

21/10/2020

AIAB: Insieme ai consumi deve crescere la produzione e non solo in quantità

Il bio non è solo assenza di pesticidi ma una visione che include il sistema agro-alimentare con tutti i suoi componenti ecologici, sociali ed economici.

30/09/2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.M. fosfiti in agricoltura biologica

Dopo lungo confronto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale “il D.M. fosfiti in agricoltura biologica”

13/02/2021

Brexit: le indicazioni per le importazioni di prodotti biologici

Con la Nota n. 31921 del 22 gennaio 2021 il Mipaaf rende note alcune indicazioni utili per gli operatori ...

02/02/2021

Certificazione di gruppo: il futuro dei bio-distretti

 Interessante studio sulla certificazione di gruppo nell’ambito di tre bio-distrettidella Regione Veneto

27/01/2021

Il captano non è la soluzione alla maculatura bruna

“Captano” e “Dithianon” sono molecole chimiche che, prima o poi, verranno bandite o limitate dall’Unione europea

13/01/2021

Ogm: il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

Nonostante la Corte di giustizia europea abbia ritenuto che le Nbt (new breeding techniques) siano tecniche di modificazione genetica, queste vengono presentate come la frontiera più avanzata dell’agribusiness...

21/12/2020

L’Europa chiede all’Italia un futuro più verde per la nostra agricoltura

CambiamoAgricoltura: Il Piano Strategico Nazionale deve riportare la PAC verso la via della transizione agroecologica

15/12/2020

Per un terzo consumatori Usa Bio Italiano al top, il vino fra i prodotti di punta

Ma il 43% rischia di aquistare prodotti che richiamano erroneamente al Made in Italy

09/12/2020

FederBio: per l’Italia target del 30% di campi biologici

Avere il 25% di superfici coltivate a biologico entro il 2030, così come previsto dalla strategia From Fark to Fork, è troppo poco ambizioso...

13/11/2020

Il biologico cambia canale: il supermercato (47%) batte i negozi specializzati (21%) 11 NOVEMBRE 2020|IN RASSEGNA STAMPA

Il carrello con i prodotti biologici comprati nella grande distribuzione supera, nelle preferenze dei consumatori, quello dei negozi specializzati

21/10/2020

AIAB: Insieme ai consumi deve crescere la produzione e non solo in quantità

Il bio non è solo assenza di pesticidi ma una visione che include il sistema agro-alimentare con tutti i suoi componenti ecologici, sociali ed economici.

30/09/2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.M. fosfiti in agricoltura biologica

Dopo lungo confronto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale “il D.M. fosfiti in agricoltura biologica”