FACEBOOK TWITTER
02/03/2015

End Ecocide, la prima “European Citizens’Initiative” arriva al Parlamento UE

Questa settimana il Parlamento Europeo ha aperto le porte a End Ecocide. L’iniziativa messa in campo da un gruppo di volontari dedicata alla sensibilizzazione attorno al fondamentale tema dell’ecocidio termine che, secondo le parole di Polly Higgins - avvocato ambientalista da anni impegnata sul fronte internazionale per ottenere il riconoscimento dei disastri ecologici come reato contro la pace da parte dell’ONU – indica la distruzione, il danneggiamento e la perdita di ecosistema piuttosto estesa di un determinato territorio, provocata da agenti umani o da altre cause, al punto che il godimento pacifico del territorio da parte degli abitanti viene fortemente compromesso.

L’associazione “End Ecocide” ha aperto, riguardo a questo tema, una petizione, che ha raccolto finora le firme di più di 180mila cittadini ed è la prima European Citizens’ Initiative (ECI) che è stata comunque discussa in Parlamento, anche se non ha raggiunto il milione di adesioni, come invece verrebbero le regole UE riguardanti l’ECI.

Quello di End Ecocide è, quindi, un successo. La sfida è quella di riuscire a cambiare il paradigma. La maggior parte delle leggi esistenti prevede, infatti, multe o sanzioni economiche per i danni causati, un metodo che non è per nulla efficace. Le peggiori delle grandi multinazionali, per esempio, avranno sempre abbastanza risorse e mai si sentiranno responsabilizzate, ma al contrario continueranno indisturbate le proprie attività inquinanti fino alla successiva ammenda.

La proposta avanzata da End Ecocide è quella, invece, di una Direttiva UE ancorata al diritto penale. Che persegua l’ecocidio come crimine penale. Rendendo gli individui con potere decisionale responsabili per le conseguenze delle loro azioni, a prescindere dal dolo o dai potenziali rischi.

Nel dettaglio, ai rappresentanti dell’Europarlamento è stato chiesto di proibire e prevenire l’ecodidio attraverso l’adozione di una legislazione cui ci si potrebbe appellare in cinque specifici casi. Se il crimine ambientale è stato commesso sul territorio dell’Unione, nell’ipotesi in cui l’autore sia un cittadino UE o un’impresa europea, anche nel caso accada fuori dai confini del Continente. A questi si aggiunge l’importazione di beni e servizi derivati da attività che hanno causato un ecocidio e il finanziamento di queste da parte di banche dell’Unione Europea o altre istituzioni finanziarie ovunque queste attività abbiano avuto luogo.

Causare danni estesi, duraturi o severi all’ambiente è considerato già un “crimine di guerra” dal 1977. E in tempo di pace? A conti fatti, distruggere un ecosistema equivale a sopprimere un clima di pace ecco perché dovrebbe essere punito a livello internazionale molto severamente e nella globalità delle sue conseguenze. Che spesso si traducono in ripercussioni gravi e a lungo termine sull’habitat della flora e della fauna del luogo, con effetti devastanti sulle popolazioni indigene, sull’economia locale basata sullo sfruttamento delle risorse naturali come pesca, agricoltura e caccia.

Per questo motivo c’è chi vorrebbe andare ancora più lontano ed estendere il mandato della Corte Penale Internazionale anche ai crimini ambientali. L’idea di istituire un tribunale internazionale per punire questi reati è stata proposta, per la prima volta nel 2006 in occasione della “Conferenza internazionale salute, ambiente e giustizia”, tenutasi a Venezia e, successivamente, formalizzata nella cosiddetta Carta di Venezia. Per realizzare ciò bisognerebbe operare una modifica del regolamento della Corte, lo Statuto di Roma, per la quale serve il consenso di almeno 2/3 degli stati firmatari.

Per quanto riguarda l’Europa, invece, l’idea è quella di creare una nuova corte ad hoc, il Tribunale Penale Europeo dell’Ambiente.
Un preciso progetto politico-culturale e giuridico al quale da anni lavora l’International Academy of Environmental Sciences (IAES), affiancata poi dalla Fondazione SEJF (Supranational Environmental Justice Foundation) e dall’Associazione AME-DIE che riunisce ex ministri dell’Ambiente di diversi Paesi.

Al 2013 risale un grande risultato: la stesura della Carta di Bruxelles che pone il primo mattone per la costruzione di un Tribunale Penale Europeo e per estendere le competenze della Corte Penale Internazionale ai più gravi reati ambientali così da poterli giudicare crimini contro l’umanità aprendo una campagna presso l’ONU per richiedere la modifica dello Statuto di Roma che vada a inserire nella competenze del tribunale dell’Aja il  disastro ambientale.
 

La Carta può, infatti,essere firmata da individui e organizzazioni e verrà consegnata a Ban Ki-Moon, Segretario generale delle Nazioni Unite, durante la Conferenza sul clima COP21 che si terrà a dicembre 2015 a Parigi. Occasione durante la quale il movimento End Ecocide intende mobilitare decine di migliaia di volontari e sostenitori per dimostrare l’impegno a proteggere il pianeta e le generazioni future, chiedendo di fermare le attività industriali pericolose.

Tuttavia le iniziative dell’associazioni non sono finite qui. Una marcia a forma di stella, flash mob nella capitale francese e in tutta Europa, la conferenza stampa più lunga nella storia sul tema dell’ecocidio e un finto processo di inquinamento da idrocarburi in Nigeria, con l’aiuto dell’associazione Friends of the Earth Nigeria. Questo è, infatti, quello che i membri del team di End Ecocide stanno preparando per il COP21.

Fonte: http://www.greenews.info

Condividi su:
Eventi e fiere
24/07/2021

Sana, 9 - 12 settembre 2021 - Bologna

SANA si presenta, a settembre 2021, con un format arricchito in contenuti e iniziative che andranno ad accrescerne la visione di filiera.
Un nuovo progetto espositivo che prevede sei aree tematiche: ORGANIC FOOD, CARE&BEAUTY, GREEN LIFESTYLE, SANATECH, SANA TEA e FREE FROM HUB

12/05/2021

Essere Sostenibili - Corso online - 27 maggio 2021

Perché e come avviare in azienda un percorso di riflessione strategica orientato alla sostenibilità

16/03/2021

Seminario online: "La conversione al biologico: aspetti normativi e strumenti creditizi per rendere l'operazione sostenibile"

Evento online: "La conversione al biologico: aspetti normativi e strumenti creditizi per rendere l'operazione sostenibile"

23/11/2020

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

21/10/2013

Sostenibili si diventa: Camera Nazionale della Moda ospite al convegno del 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze

Sostenibili si diventa, obiettivi, processi, persone, prodotti, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana.

24/07/2021

Sana, 9 - 12 settembre 2021 - Bologna

SANA si presenta, a settembre 2021, con un format arricchito in contenuti e iniziative che andranno ad accrescerne la visione di filiera.
Un nuovo progetto espositivo che prevede sei aree tematiche: ORGANIC FOOD, CARE&BEAUTY, GREEN LIFESTYLE, SANATECH, SANA TEA e FREE FROM HUB

12/05/2021

Essere Sostenibili - Corso online - 27 maggio 2021

Perché e come avviare in azienda un percorso di riflessione strategica orientato alla sostenibilità

16/03/2021

Seminario online: "La conversione al biologico: aspetti normativi e strumenti creditizi per rendere l'operazione sostenibile"

Evento online: "La conversione al biologico: aspetti normativi e strumenti creditizi per rendere l'operazione sostenibile"

23/11/2020

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

Convegno organizzato da AIAB nell’ambito di B/Open, previsto per il 24 novembre dalle 14,00 alle 15,30

21/10/2013

Sostenibili si diventa: Camera Nazionale della Moda ospite al convegno del 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze

Sostenibili si diventa, obiettivi, processi, persone, prodotti, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana.

Stampa
12/11/2021

Gruppo Produttori Tester comunicazione piattaforma versione test

Comunichiamo a tutti i produttori che hanno aderito al gruppo Tester che siamo in dirittura d'arrivo

01/10/2021

Produttori Tester Inserimento un anno gratuito

Comunicazione a tutti i produttori facenti parte di Connature

16/09/2021

Conto alla rovescia per la nuova versione di Connature! Nuove funzionalità a servizio degli operatori

La nuova versione della piattaforma sarà online a breve! Registrati e promuovi i tuoi prodotti. Trova rivenditori e buyer velocemente ed inizia ad espandere la tua attività!

24/07/2021

Il mondo del biologico punta al 30% di superficie agricola bio al 2027 per mantenere la leadership in Europa

L’obiettivo ambizioso che ci siamo dati è puntare ad almeno il 25% di superficie agricola bio nella UE, una PAC più verde con un quarto del bilancio dedicato agli aiuti diretti dedicato agli ecoschemi

29/06/2021

PAC Post 2022: Un accordo deludente. Le associazioni di CambiamoAgricoltura: "un altro ostacolo per il Green Deal. Ora la palla passa all'Italia"

“Ha prevalso la conservazione dello Status quo e non l’ambizione per una vera transizione Agroecologica”

14/06/2021

Perché in Italia abbiamo bisogno di più agricoltura e più agricolture

L’Italia è il secondo paese produttore di cibo biologico, il primo in Europa, i dati dell’export confermano questa classifica e il mercato interno è destinato a crescere.

31/05/2021

Legge sul biologico vicina al traguardo. Legambiente: “la Camera la approvi velocemente”

All’approvazione definitiva della legge sul biologico, dopo il recente via libera del Senato con 195 sì, un astenuto e un solo voto contrario – quello della senatrice Cattaneo – mancano davvero pochi metri e Legambiente entra nuovamente nel vivo del dibattito

12/05/2021

I prodotti chimici sono legati alle monocolture intensive che impoveriscono i terreni e richiedono sempre più spazi rubati alle foreste

La biodiversità è minata dalle monocolture intensive che rubano costantemente spazi alle foreste e richiedono massicce dosi di pesticidi chimici per coltivare prodotti da commercializzare nei mercati di tutto il mondo

06/05/2021

OGM: la società civile e i produttori biologici e agroecologici bocciano il parere della Commissione Ue favorevole a una diversa normativa del settore.

Dando un sostanziale via libera agli OGM di nuova generazione, la Commissione annuncia la resa di fronte alle pressioni delle industrie dell’agribusiness mettendo in discussione lo stesso principio di precauzione europeo...

29/04/2021

Biologico: si consolida la crescita del mercato in Italia. Discount e online trascinano le vendite 27 APRILE 2021|IN NOTIZIE

Italia vanta una delle maggiori quote nazionali di superficie agricola utilizzata a biologico in Europa, con un 15,8%, ma la spesa pro capite (pre-Covid) è di 60 euro all’anno, contro i 144 in Germania, 174 in Francia, 338 in Svizzera e 344 in Danimarca (dati Fibl & Ifoam, 2021)

09/04/2021

Importazioni da Paesi terzi: le nuove indicazioni dal Mipaaf

Anticipiamo il testo del DM n. 91718 del 24 febbraio 2021 che disciplina le modalità di importazione di prodotti biologici da Paesi terzi, e che abroga il DM n. 8283 del 6 febbraio 2018

30/03/2021

Commissione europea: presentato il nuovo piano d’azione per lo sviluppo del biologico

La Commissione ha presentato un piano d'azione per lo sviluppo della produzione biologica. Obiettivo generale del piano è stimolare la produzione e il consumo di prodotti biologici, per fare sì che entro il 2030 il 25 % dei terreni agricoli sia destinato all'agricoltura biologica e che l'acquacoltura biologica registri un significativo aumento

16/03/2021

Biologico è Biodiverso

È una fase decisiva per il biologico. Il settore è a due milioni di ettari coltivati, oltre 80 mila aziende  il 15,8% della superficie agricola è bio, pari al doppio della media europea

13/02/2021

Brexit: le indicazioni per le importazioni di prodotti biologici

Con la Nota n. 31921 del 22 gennaio 2021 il Mipaaf rende note alcune indicazioni utili per gli operatori ...

02/02/2021

Certificazione di gruppo: il futuro dei bio-distretti

 Interessante studio sulla certificazione di gruppo nell’ambito di tre bio-distrettidella Regione Veneto

27/01/2021

Il captano non è la soluzione alla maculatura bruna

“Captano” e “Dithianon” sono molecole chimiche che, prima o poi, verranno bandite o limitate dall’Unione europea

13/01/2021

Ogm: il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

Nonostante la Corte di giustizia europea abbia ritenuto che le Nbt (new breeding techniques) siano tecniche di modificazione genetica, queste vengono presentate come la frontiera più avanzata dell’agribusiness...

21/12/2020

L’Europa chiede all’Italia un futuro più verde per la nostra agricoltura

CambiamoAgricoltura: Il Piano Strategico Nazionale deve riportare la PAC verso la via della transizione agroecologica

15/12/2020

Per un terzo consumatori Usa Bio Italiano al top, il vino fra i prodotti di punta

Ma il 43% rischia di aquistare prodotti che richiamano erroneamente al Made in Italy

09/12/2020

FederBio: per l’Italia target del 30% di campi biologici

Avere il 25% di superfici coltivate a biologico entro il 2030, così come previsto dalla strategia From Fark to Fork, è troppo poco ambizioso...

13/11/2020

Il biologico cambia canale: il supermercato (47%) batte i negozi specializzati (21%) 11 NOVEMBRE 2020|IN RASSEGNA STAMPA

Il carrello con i prodotti biologici comprati nella grande distribuzione supera, nelle preferenze dei consumatori, quello dei negozi specializzati

21/10/2020

AIAB: Insieme ai consumi deve crescere la produzione e non solo in quantità

Il bio non è solo assenza di pesticidi ma una visione che include il sistema agro-alimentare con tutti i suoi componenti ecologici, sociali ed economici.

30/09/2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.M. fosfiti in agricoltura biologica

Dopo lungo confronto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale “il D.M. fosfiti in agricoltura biologica”

12/11/2021

Gruppo Produttori Tester comunicazione piattaforma versione test

Comunichiamo a tutti i produttori che hanno aderito al gruppo Tester che siamo in dirittura d'arrivo

01/10/2021

Produttori Tester Inserimento un anno gratuito

Comunicazione a tutti i produttori facenti parte di Connature

16/09/2021

Conto alla rovescia per la nuova versione di Connature! Nuove funzionalità a servizio degli operatori

La nuova versione della piattaforma sarà online a breve! Registrati e promuovi i tuoi prodotti. Trova rivenditori e buyer velocemente ed inizia ad espandere la tua attività!

24/07/2021

Il mondo del biologico punta al 30% di superficie agricola bio al 2027 per mantenere la leadership in Europa

L’obiettivo ambizioso che ci siamo dati è puntare ad almeno il 25% di superficie agricola bio nella UE, una PAC più verde con un quarto del bilancio dedicato agli aiuti diretti dedicato agli ecoschemi

29/06/2021

PAC Post 2022: Un accordo deludente. Le associazioni di CambiamoAgricoltura: "un altro ostacolo per il Green Deal. Ora la palla passa all'Italia"

“Ha prevalso la conservazione dello Status quo e non l’ambizione per una vera transizione Agroecologica”

14/06/2021

Perché in Italia abbiamo bisogno di più agricoltura e più agricolture

L’Italia è il secondo paese produttore di cibo biologico, il primo in Europa, i dati dell’export confermano questa classifica e il mercato interno è destinato a crescere.

31/05/2021

Legge sul biologico vicina al traguardo. Legambiente: “la Camera la approvi velocemente”

All’approvazione definitiva della legge sul biologico, dopo il recente via libera del Senato con 195 sì, un astenuto e un solo voto contrario – quello della senatrice Cattaneo – mancano davvero pochi metri e Legambiente entra nuovamente nel vivo del dibattito

12/05/2021

I prodotti chimici sono legati alle monocolture intensive che impoveriscono i terreni e richiedono sempre più spazi rubati alle foreste

La biodiversità è minata dalle monocolture intensive che rubano costantemente spazi alle foreste e richiedono massicce dosi di pesticidi chimici per coltivare prodotti da commercializzare nei mercati di tutto il mondo

06/05/2021

OGM: la società civile e i produttori biologici e agroecologici bocciano il parere della Commissione Ue favorevole a una diversa normativa del settore.

Dando un sostanziale via libera agli OGM di nuova generazione, la Commissione annuncia la resa di fronte alle pressioni delle industrie dell’agribusiness mettendo in discussione lo stesso principio di precauzione europeo...

29/04/2021

Biologico: si consolida la crescita del mercato in Italia. Discount e online trascinano le vendite 27 APRILE 2021|IN NOTIZIE

Italia vanta una delle maggiori quote nazionali di superficie agricola utilizzata a biologico in Europa, con un 15,8%, ma la spesa pro capite (pre-Covid) è di 60 euro all’anno, contro i 144 in Germania, 174 in Francia, 338 in Svizzera e 344 in Danimarca (dati Fibl & Ifoam, 2021)

09/04/2021

Importazioni da Paesi terzi: le nuove indicazioni dal Mipaaf

Anticipiamo il testo del DM n. 91718 del 24 febbraio 2021 che disciplina le modalità di importazione di prodotti biologici da Paesi terzi, e che abroga il DM n. 8283 del 6 febbraio 2018

30/03/2021

Commissione europea: presentato il nuovo piano d’azione per lo sviluppo del biologico

La Commissione ha presentato un piano d'azione per lo sviluppo della produzione biologica. Obiettivo generale del piano è stimolare la produzione e il consumo di prodotti biologici, per fare sì che entro il 2030 il 25 % dei terreni agricoli sia destinato all'agricoltura biologica e che l'acquacoltura biologica registri un significativo aumento

16/03/2021

Biologico è Biodiverso

È una fase decisiva per il biologico. Il settore è a due milioni di ettari coltivati, oltre 80 mila aziende  il 15,8% della superficie agricola è bio, pari al doppio della media europea

13/02/2021

Brexit: le indicazioni per le importazioni di prodotti biologici

Con la Nota n. 31921 del 22 gennaio 2021 il Mipaaf rende note alcune indicazioni utili per gli operatori ...

02/02/2021

Certificazione di gruppo: il futuro dei bio-distretti

 Interessante studio sulla certificazione di gruppo nell’ambito di tre bio-distrettidella Regione Veneto

27/01/2021

Il captano non è la soluzione alla maculatura bruna

“Captano” e “Dithianon” sono molecole chimiche che, prima o poi, verranno bandite o limitate dall’Unione europea

13/01/2021

Ogm: il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

Nonostante la Corte di giustizia europea abbia ritenuto che le Nbt (new breeding techniques) siano tecniche di modificazione genetica, queste vengono presentate come la frontiera più avanzata dell’agribusiness...

21/12/2020

L’Europa chiede all’Italia un futuro più verde per la nostra agricoltura

CambiamoAgricoltura: Il Piano Strategico Nazionale deve riportare la PAC verso la via della transizione agroecologica

15/12/2020

Per un terzo consumatori Usa Bio Italiano al top, il vino fra i prodotti di punta

Ma il 43% rischia di aquistare prodotti che richiamano erroneamente al Made in Italy

09/12/2020

FederBio: per l’Italia target del 30% di campi biologici

Avere il 25% di superfici coltivate a biologico entro il 2030, così come previsto dalla strategia From Fark to Fork, è troppo poco ambizioso...

13/11/2020

Il biologico cambia canale: il supermercato (47%) batte i negozi specializzati (21%) 11 NOVEMBRE 2020|IN RASSEGNA STAMPA

Il carrello con i prodotti biologici comprati nella grande distribuzione supera, nelle preferenze dei consumatori, quello dei negozi specializzati

21/10/2020

AIAB: Insieme ai consumi deve crescere la produzione e non solo in quantità

Il bio non è solo assenza di pesticidi ma una visione che include il sistema agro-alimentare con tutti i suoi componenti ecologici, sociali ed economici.

30/09/2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.M. fosfiti in agricoltura biologica

Dopo lungo confronto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale “il D.M. fosfiti in agricoltura biologica”